Clos des Mouches2Dopo una notte un po’ sofferta  trascorsa nella cabina di un Thellō alquanto malconcio (igiene un po’ sommaria, toilettes praticamente impraticabili già alla partenza da Bologna per mancanza di acqua, addetto un po’ nervoso), arriviamo finalmente a Beaune con uno dei gradevoli e moderni trenini veloci per Nevers: 18’ senza intoppi da Dijon.

Enoteca

Dopo la giornata Champagne di Milano è giunto molto opportuno (e gradevole) il “richiamo”organizzato a Bari dalla Dom Perignon e dall’enoteca Vinarius: un elegante light dinner per accompagnare le ultime creature della grande Maison di Hautvillers. (Nella foto, l'Enoteca Vinarius di viale Europa.)

Pubblico

 

Lunedì 7 ottobre si è tenuta a Milano l’edizione 2013 di quella  che è ormai nota come Giornata Champagne, la più grande passerella degli Champagne importati in Italia, organizzata annualmente dal Bureau de Champagne in  Italia. Non va dimenticato infatti che l’Italia è il sesto paese nella classifica mondiale dell’esportazione di Champagne.

Come mancare al consueto appuntamento di san Francesco all’Enoteca de Pascale, dove un  agguerrito gruppo di giovani sommeliers ed appassionati si riunisce tutti gli anni, in orario di chiusura, per festeggiare , con numerosi assaggi, il loro amico e ospite Francesco? Mi sono quindi ritrovato in un fine settimana che si annunciava piovoso e che tale è stato, per fortuna prevalentemente di notte, ad Avellino, dove , insieme con gli altri amici, l’una dopo l’altra, abbiamo bevuto (sì, bevuto, perché Francesco non ama i crachoirs) dieci bottiglie di vini diversi, come, di consueto, molto differenti tra di loro, e sadicamente proposti in blind tasting  , ad eccezione dei primi quattro (tre bianchi e uno spumante), come piace al nostro ospite.

 vista2

Come non innamorarsi subito di queste vigne , immerse nella macchia mediterranea e dolcemente degradanti sul  mare azzurrissimo della zona più protetta della riserva marina di Santa Maria di Castellabate? Parlo dei 4,9 ettari vitati (su un totale di 20) dell’Azienda agricola San Giovanni di Castellabate, in pieno Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diana , situata  in un ecosistema incontaminato che ha pochi eguali nel mondo. Questa piccola azienda vitivinicola prende il nome  dalla  Chiesa  di San Giovanni , costruita nel 957 da Ligorio di Atrani nei pressi dell’omonimo monastero, i cui resti, in verità alquanto degradati, sono a un tiro di schioppo (nella foto sopra, uno scorcio del pendio sul quale si arrampicano le vigne).