Riserva 1Non è californiano, anche se è diventato il vitigno più popolare e amato della California, e neppure croato, sebbene le analisi del DNA mostrino che è quasi sicuramente nato lì, perché il Primitivo più buono e autentico, in quanto fuso indissolubilmente con il paesaggio e la cultura del territorio, è quello pugliese. Ebbene sì. Potrebbe sembrare sacrilego che un Primitivo pugliese approdi alla sezione “Grandi Bottiglie”, dedicata ai grandi vini meritevoli di raggiungere e superare i 91 punti su 100, ma non lo é.

Vigne2Difficile non innamorarsi di questo Vigne de l’Enfant Jésus, vino bandiera della Maison Bouchard Père et Fils, di un’annata straordinaria, come quella del 2010, per la Côte de Beaune: una raccolta limitata, per le difficoltà incontrate nel periodo della fioritura, ma di splendida qualità, favorita da un’estate fresca, e da condizioni climatiche ottimali nei giorni della vendemmia. Superiore forse anche a quello, magnifico, del 2009, un Beaune rouge di grande ricchezza e complessità.

Clos du FontenayBruno è Bruno Clair, il titolare di uno dei più conosciuti e reputati Domaines della Côte d’Or che ha il suo nome. Brun (Philippe) è il suo braccio destro, col quale collabora da oltre trent’anni, per l’esattezza dal 1986. Qualcuno li ha chiamati anche i Batman e Robin della Côte d’Or a sottolineare la loro immarcescibile intesa, che ha permesso la produzione di una gamma di altissimo livello, che comprende, accanto ad alcuni cru di assoluto prestigio, molti “piccoli” vini, di minor peso, ma di grande affidabilità per la loro continuità qualitativa.

San Leonardo 1Per Suckling è “il Sassicaia del Nord Italia”. In realtà il San Leonardo dei Marchesi Guerrieri Gonzaga è il più bordolese (e sicuramente uno dei più eleganti) vino italiano prodotto con le varietà tradizionali di quel terroir. Ho pensato a questo riassaggiando, alcuni giorni fa, il vino dell’annata 2000: forse non la migliore in assoluto delle annate prodotte dal 1983 (quella del 1982 non fu commercializzata), ma certamente una delle più classiche.

LangoaHo avuto modo di riberlo qualche sera fa in occasione di una cena tra amici, ad appena qualche mese dall’ultima volta, questo Langoa-Barton 2010. La 2010 è stata una grande annata in tutto il Médoc, caratterizzata da un inverno rigido, ciò che ha determinato una certo ritardo della ripresa vegetativa, e una floraison irregolare, nella quale sono stati soprattutto i merlot a soffrire, e da una bella estate “bordolese”, con uno stress idrico equilibrato, giornate calde e soleggiate e notti fresche.