Wine Spectator, vol. 46, no.6, September 30, 2021, $6.99

WS September 2021Questo é un numero praticamente consacrato al pinot noir californiano, e principalmente quello della Sonoma Coast. C’é poi un po’ di spazio per i bianchi borgognoni delle felici annate 2018 e 2019  e per la retrospettiva Porto Vintage 2000 , ma ad aprire il numero é un ampio servizio, non annunciato da un titolo in copertina, nell’ambito della sezione Advertising Women in wine, dedicato alle donne influenti del mondo del vino: 19 pagine di ritratti di donne prevalentemente americane, va da sé, ma non soltanto, iberiche, francesi, australiane e di altri paesi.

En Magnum. Le Vin + Grand, n. 23, Juin-Août 2021 ,  € 6.50  in Francia

En Magnum 23Come sempre, nel fascicolo, di grande formato, di En Magnum, c’è molta carne a cuocere, ma i due articoli principali, sono a mio giudizio quello dedicato alla Montagne di Corton, annunciato dal titolo più grande di copertina, e quello di André Fuster sulle  difficoltà attuali delle denominazioni dei vini francesi (“Che cosa non va nelle appellations?)”, ovviamente riferito alla crescente disaffezione di molti produttori, tra i quali, molti di quelli iconici, per le tradizionali AOC.

Bourgogne Aujourd’hui, n. 160, Août-Septembre 2021, € 7.00

Bourgogne 160“Il più grande ?” si interroga nel titolo grande di copertina il giornale, riferendosi al millesimo 2020 in Borgogna, al cuore di questo numero monografico. Sono in molti a dirlo e certamente a  sperarlo, ma sarà vero? Oltre all’ ampio servizio dedicato agli assaggi dei vini di tutte le denominazioni  di questo territorio (escluso il solo Beaujolais, che sarà oggetto di una trattazione a parte), ci sono un’ intervista a Gautier Capuçon e Bernard Hervet, musicista il primo e grande melomane il secondo,  organizzatori del Festival Musique & Vin al Clos Vougeot , un’altra puntata di storia  di Jean-Pierre Garcia (la nascita della bottiglia) e  un dossier enoturistico dedicato alle Bonnes Adresses a tavola .

Decanter, vol 46, n. 11, August 2021, £ 5.50

Decanter August 2021Gli onori della copertina di questo numero sono tutti per le primeurs di Bordeaux, ma un po’ di spazio è riservato anche ai vini dell’estate, ai crus del Beaujolais e al Wine Trip a Verona. Rinnovato nella grafica, il giornale appare snellito e più agile. L’articolo principale, il primo di quelli sui quali mi soffermerò, è naturalmente quello del “First Taste”, il primo assaggio dell’annata 2020 di Bordeaux, firmato, come  sempre da Jane Anson. Le altre degustazioni di questo numero sono il Panel Tasting dei crus del Beaujolais (l’altro articolo che ho scelto) , i rosados spagnoli selezionati dall’esperto  (Sarah Jane Evans), e i picks di David Sly dei vini delle Adelaide Hills in Australia.

Wine Spectator, vol. 46, no.5, August 31, 2021, $6.99

Wine Spectator August 2021Con l’enfatico titolo “America is back”-Il ritorno dell’America- questo numero  quasi monografico di WS annuncia il tema principale trattato, l’assegnazione degli Awards 2021 ai ristoranti “del vino” nel mondo, nel momento in cui si spera che l’incubo della grande pandemia stia volgendo alla fine. Ne parla anche l’editoriale di Shanken, intitolato “Il momento che attendevamo”.

Alla fine sono stati quasi 3000 I premi assegnati, dei quali 103 quelli più prestigiosi, i Grand Awards, simboleggiati dai tre bicchieri.